13 Giugno 2024
Notizie Scuola Infanzia

Natale 2022

Ben ritrovati a tutti,
in questo articolo vi parleremo del nostro progetto annuale:
“Diritti” a scuola con… Pinocchio

La fiaba costituisce un genere narrativo molto stimolante che permette ai bambini di descrivere le proprie emozioni utilizzando la lingua nella sua funzione immaginativa e fantastica, sollecitando esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La scelta della storia di Pinocchio di Collodi è dettata dalla vicinanza del burattino all’indole dei bambini, che si identificano in esso con pregi e difetti e perché le sue avventure possano aiutare i bambini a riflettere sui comportamenti e sulle scelte quotidiane comprendendo meglio la vita reale offrendo numerosi stimoli di apprendimento ed attività di cooperazione e di socializzazione. Le Insegnanti, come il Grillo Parlante, daranno voce alla coscienza che c’è in ciascuno di noi ma che tante volte, è sopraffatta dalle voci della trasgressione e dell’omologazione, dagli amici non veri (Gatto e Volpe), dalla tentazione del “vincere facile”, del non impegno (Lucignolo) e delle piccole bugie.
I bambini hanno bisogno di certezze ed è compito degli insegnanti insieme ai genitori di essere educatori “credibili” seguendo l’esempio della fata Turchina che, con la forza dell’amore, è riuscita a trasformare il burattino di legno in un bambino vero.
Pinocchio è un personaggio colmo di desideri nel quale ognuno si può riconoscere attraverso peripezie, capricci, regole e fatiche per poter crescere. Riuscire a portare a termine i propri impegni è il primo passo per maturare, ad ogni età è il senso di responsabilità che ci fa compiere le scelte più giuste e seguire la via del bene.
Il capolavoro di Collodi dunque accompagnerà i bambini in un viaggio carico di stimoli fantastici, di esperienze significative e di opportunità ludiche e nel contempo ci fornirà le coordinate per una semplice interpretazione dei principali diritti dell’infanzia.
Per tutto il mese di settembre ci siamo dedicati all’inserimento dei 12 bimbi della primavera più i 3 piccoli nuovi dell’infanzia,
il tutto si è concluso con la festa di benvenuti
Ad ottobre siamo partiti con il nostro progetto, come stimolo iniziale, In ogni unità d’apprendimento sarà la Fata Turchina che porterà ai bambini messaggi come: oggetti, disegni, libri, tracce ecc. provenienti dalla storia di Pinocchio che stimoleranno la loro curiosità e il loro interesse. Abbiamo iniziato col presentare questo personaggio fantastico attraverso un cartellone.
La Fata Turchina è una fata buona che, insieme al suo amico: il Grillo Parlante rappresenta la saggezza, dà buoni consigli, accompagnando i bambini alla scoperta e alla messa in atto di comportamenti adeguati per una buona convivenza civile. Durante il primo approccio, pertanto, i due personaggi hanno regalato ai bambini un cartellone sulle fondamentali norme di comportamento da tenere a scuola e uno con le parole gentili.
Il progetto è così articolato:
Prima unità di apprendimento (ottobre/novembre): “A scuola con Pinocchio”.
Il burattino che prende vita da un secco ceppo di legno ci accompagna alla scoperta della stagione autunnale, abbiamo provato a vendemmiare come si faceva una volta pigiando l’uva con i piedi, abbiamo partecipato anche ad un progetto di Bergamo scienza sui 5 sensi denominato MAIS inoltre abbiamo portato i bambini a riflettere sui diritti dell’infanzia.
Ecco alcune foto fatte durante questo percorso:
PER QUANTO RIGUARDA I.R.C. (insegnamento religione cattolica)
nel primo periodo abbiamo parlato di Dio creatore e di San Francesco che, con il cantico delle
Creature ha reso lode a Dio per il creato.
Seconda unità di apprendimento (dicembre/gennaio): “Un regalo per Natale”.
La storia di Pinocchio, in questo periodo coinciderà molto con il percorso I.R.C. abbiamo preso spunto dalla parte che narra di Geppetto che regala a Pinocchio un abecedario e per farlo deve vendere l’unica giacca che ha, questo ci ha permesso di collegare Il dono del Babbo al dono più grande che Dio ci poteva fare: suo figlio Gesù.
In questo periodo stiamo parlando di avvento, per prepararci bene al Natale stiamo raccontando ai bambini la storia della nascita di Gesù, ecco il nostro percorso…
Inoltre, visto che dicembre è anche il mese di Santa Lucia, abbiamo accompagnato i bambini alla chiesetta per lasciare la loro letterina…
Durante questo periodo abbiamo svolto anche il “Progetto Coro” , grazie al maestro Claudio Locatelli che ci ha aiutato a preparare i bambini per lo spettacolo natalizio dal titolo:
“Natale dono d’amore” che si terrà
LUNEDI’ 19 DICEMBRE
NELLA NOSTRA CHIESA
Nel prossimo numero vi sveleremo il resto della nostra progettazione. per ora BUONE FESTE A TUTTI
dai bambini e tutto il personale della scuola dell’infanzia.

[ngg src=”galleries” ids=”8″ exclusions=”23″ display=”basic_thumbnail” thumbnail_crop=”0″]

Print Friendly, PDF & Email