13 Giugno 2024
Prima Confessione

Prime Confessioni

“Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite:
a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio” disse Gesù nel Vangelo.

LA FESTA DEL PERDONO

Domenica 19 marzo nella nostra Parrocchia si è celebrata la Festa del Perdono. Venticinque bambini del terzo anno di catechesi hanno vissuto un momento molto forte, accostandosi per la prima volta al sacramento della Riconciliazione.

Don Eros ci ha preparati all’esame di coscienza in un incontro con i ragazzi svoltosi qualche giorno prima, durante il quale ha anche chiarito i dubbi dei bambini e ha risposto alle loro numerose domande. E così, il giorno trepidamente atteso finalmente è arrivato!

I bambini, accompagnati dalle loro famiglie, hanno trascorso una domenica veramente speciale. Attraverso la meditazione della parabola del Padre Misericordioso, hanno potuto fare esperienza dell’abbraccio di un Dio ricco di Misericordia, sempre pronto ad accogliere i suoi figli che tornano a lui. Al momento della confessione individuale, dopo un attento esame di coscienza, ogni bambino si è recato dal sacerdote con un emblematico cuoricino spezzato, simbolo della sofferenza generata dal peccato. Ad ogni bambino il sacerdote ha messo al dito un simbolico anello dorato come richiamo alla Misericordia del Padre. Dopo l’assoluzione, il sacerdote ha dato ad ogni bambino un “cuore nuovo” che rappresenta la nuova vita che il perdono di Dio rigenera in noi.
Infine, ritornato al proprio posto ognuno si è raccolto in preghiera effettuando la penitenza ricevuta dal sacerdote.

Abbiamo poi festeggiato insieme a don Eros la gioia del perdono ricevuto dal Signore con la golosa merenda preparata amorevolmente dalle mamme di alcuni ragazzi. Successivamente a qualche momento di svago, abbiamo partecipato tutti insieme alla Santa Messa delle 18, nella quale abbiamo reso grazie al Signore per il Suo Amore e per averci donato il Suo Perdono. E per concludere la nostra giornata di festa, non ci siamo lasciati sfuggire l’opportunità di mangiare anche una pizza in oratorio!

Print Friendly, PDF & Email